Nello Spinning® come in ogni altra disciplina sportiva, le modalità e la qualità della respirazione sono di vitale importanza per fornire all’organismo l’ossigeno di cui ha bisogno durante la performance atletica.

Rilassamento prima della performance

Ossigenarsi con respiri profondi dà la possibilità di instaurare un contatto diretto con il corpo e con la mente. Concentrazione e focalizzazione saranno raggiunti più facilmente, ponendo l’attenzione sui muscoli interessati dall’allenamento.

respirazione

Continuità e regolarità della respirazione

Anche se può sembrare strano, nella pratica dello sport molti soggetti non solo respirano in maniera errata, ma concentrati sull’attività (posture velocità movimenti etc) non respirano affatto!

Nella pratica delle discipline aerobiche, la richiesta di ossigeno aumenta in maniera direttamente proporzionale all’intensità e alla durata dello sforzo, tale richiesta può essere soddisfatta in 2 modi: con l’aumento della profondità del respiro oppure con l’aumento della frequenza respiratoria. Impostare un ritmo di respirazione regolare consente di garantire un afflusso costante di ossigeno ed evita pericolosi deficit provocati da momenti di distrazione che generalmente si traducono in brevi e frequenti apnee durante il workout.

La respirazione profonda o diaframmatica

Il diaframma è una lamina muscolo-tendinea che separa la cavità toracica dalla cavità addominale. A questo muscolo è demandato il compito di contrarsi per inspirare e riempire “la pancia” d’aria. Quando non si è abituati a utilizzare il diaframma, la respirazione avviene per mezzo del torace e prende il nome appunto di respirazione superficiale o toracica.

respirazione diaframmatica

Perché la respirazione diaframmatica è più efficiente

Essenzialmente per 2 ragioni:

  1. La quantità di aria incamerata ad ogni singola inspirazione è molto maggiore;
  2. L’ossigeno viene “caricato” nel sangue per mezzo dei polmoni, nei quali affluisce per mezzo del sistema circolatorio. Immaginando i polmoni come delle “sacche” è facile notare come per mezzo della gravità la maggior parte del sangue affluisce e staziona nella parte bassa degli stessi. La respirazione diaframmatica dunque permette di portare l’ossigeno l’ha dove è presente la maggior parte del sangue.

Come attuare la respirazione diaframmatica

Sdraiatevi supini, gambe piegate, rilassatevi e cominciate a respirare…..
Poi mettete una mano sulla pancia e una sul petto; cercate di inspirare con il naso gonfiando solo la pancia, lasciando fermo il torace; poi espirate con la bocca aperta, sgonfiando la pancia.
L’utilizzo delle due mani serve per prendere coscienza del movimento e capire se state lavorando con la pancia o se state facendo intervenire le coste durante la respirazione.
L’aria deve uscire dalla bocca in maniera naturale, come se fosse un sospiro di sollievo.
Attenzione a non forzare la respirazione perché potreste andare incontro a iperventilazione ed avvertire giramenti di testa; in questo caso fermatevi e ricominciate piano piano.

Respirare con la bocca o con il naso?

Si tratta di una domanda molto comune, vista la maggiore efficienza e la naturale funzione di “filtro” contro gli agenti esterni del nostro naso, sicuramente è meglio respirare con quest’ultimo fin tanto che la richiesta di ossigeno del nostro corpo riesce ad essere soddisfatta, demandando alla bocca solo la fase di espirazione. Quando poi si avverte un maggiore bisogno d’aria è possibile integrare la fase di inspirazione anche con la bocca.

In conclusione possiamo dire che una buona respirazione è una garanzia sulla buona riuscita dell’allenamento.

Efficace, semplice, divertente

Sono le caratteristiche che ogni programma di allenamento dovrebbe avere. Vuoi verificare se fa al caso tuo? L’unico modo per scoprirlo è provarlo dal vivo!

Osvaldo Lanzillotti

Sono un appassionato di comunicazione, musica e ovviamente di sport. Ciclista per passione, ho studiato per diventare istruttore certificato del programma Spinning®. Scrivo su questo blog per condividere con i lettori notizie e conoscenze sull’allenamento e sul benessere psicofisico.

Latest posts by Osvaldo Lanzillotti (see all)

Dal blog


Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cookie policy

Questa risorsa è disattivata a causa delle tue preferenze!

Questo succede perchè “%SERVICE_NAME%” utilizza cookie che tu hai scelto di disabilitare. per accedere a questa risorsa ti preghiamo di attivare i cookie: clicca qui per visualizzare e modificare le tue preferenze.